Cristalli ed esami

Lo studio del livello di escrezione di ossalato nelle urine viene utilizzato per identificare le nefropatie dismetaboliche e il rischio di calcoli renali. Gli ossalati sono sali ed esteri dell’acido ossalico. Gli ossalati entrano nel corpo in modo esogeno con il cibo o sono prodotti in modo endogeno (prodotti finali del metabolismo, formati principalmente durante la scomposizione di gliossilato e glicina). Solo il 10-15% della quantità totale di ossalati escreti nelle urine proviene direttamente dagli ossalati del cibo. Gli ossalati si trovano nell’acetosa, prezzemolo, spinaci, rabarbaro, fagioli, pepe nero, cioccolato, la maggior parte delle noci, bacche varie, ecc. Gli ossalati vengono completamente filtrati nei glomeruli, quindi riassorbiti e secreti nei tubuli. Lo studio si è svolto sui cristalli di ossalato di calcio.

Elevati livelli di ossalato urinario, anche più dei livelli di calcio, innescano la formazione di ossalati di calcio, il tipo più comune di calcoli renali (si ritiene che l’80% dei calcoli renali sia formato da ossalato di calcio). L’alto contenuto di ossalato negli alimenti riduce l’assorbimento intestinale del calcio. L’assorbimento degli ossalati alimentari aumenta con la diminuzione del livello di calcio disponibile nell’intestino. L’iperossaluria (aumento dell’escrezione di ossalati nelle urine) può essere osservata con un aumento dell’assunzione di ossalati dall’intestino a causa del loro alto contenuto negli alimenti, o a causa di processi patologici nell’intestino, che portano a una diminuzione della disponibilità di calcio e quindi ad una diminuzione della transizione degli ossalati in forme poco solubili. Questi processi includono malattie infiammatorie intestinali associate a grave malassorbimento e steatorrea, alterato deflusso biliare, insufficienza pancreatica, alcune infezioni intestinali, ecc.

È anche importante conoscere i cristalli di zucchero roma. Ne hai mai sentito parlare?

Esiste anche l’iperossaluria primaria – una patologia ereditaria del metabolismo dell’acido gliossilico, in cui le manifestazioni cliniche (sindrome urinaria con cristalluria di ossalato di calcio e/o fosfato di calcio, ematuria di varia gravità, lieve proteinuria e/o leucocituria abatterica) di solito compaiono in tenera età … È caratterizzato da un andamento progressivo. Con una dieta con un eccesso di cibi ricchi di ossalato, l’aumento dell’escrezione di ossalato può raggiungere i 61,4 mg/die (700 μmol/die). Nei pazienti con iperossaluria primaria, il rilascio di ossalati può raggiungere i 263 mg/die (3000 μmol/die).

cristalli di zucchero roma

La ridotta escrezione urinaria di ossalato può essere associata a iperglicinemia e iperglicinuria.

Acido urico. L’acido urico nelle urine è l’acido urico del sangue filtrato attraverso i reni. L’acido urico si forma a seguito del rinnovamento cellulare ed entra anche nel corpo con il cibo. La maggior parte viene escreta nelle urine, meno nelle feci. Con un’eccessiva formazione di acido urico, la sua concentrazione nelle urine può aumentare in modo significativo e con l’incapacità dei reni di filtrare il sangue in volumi normali, può diminuire.

Un livello persistentemente elevato di acido urico è la causa della formazione di cristalli di acido urico nella cavità articolare. Questa condizione dolorosa è chiamata gotta. Se non trattati, i cristalli di acido urico all’interno delle articolazioni e nei tessuti adiacenti possono formare depositi che sporgono dalla superficie del corpo sotto forma di tubercoli duri.

Un livello persistentemente alto di acido urico nelle urine può portare alla formazione di calcoli.

L’acido urico, che si dissolve nel sangue, viene consegnato ai reni, dove, dopo la filtrazione, viene escreto nelle urine. Se il corpo produce troppo acido urico per lungo tempo o non lo rimuove abbastanza bene, la persona ha problemi a urinare, febbre, brividi, affaticamento e dolori articolari.

Una condizione in cui il livello di acido urico nelle urine è elevato è chiamata iperuricosuria. In questo caso, possono formarsi calcoli renali, bloccando il normale flusso di urina nei tubuli renali, nell’uretere e nella vescica. Il contenuto di acido urico nelle urine è strettamente correlato alla dieta (rapporto tra purine, carboidrati e grassi negli alimenti), funzione renale, natura del metabolismo dei nucleotidi, terapia farmacologica, ecc.

Cristalli ed esami

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll to top